Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento della pagina acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Seguici su

Ma quale sport pratica il vicesindaco Cattaneo?

Il Movimento 5 Stelle di Alessandria, è amareggiato di fronte alle dichiarazioni fatte dalla seconda carica cittadina, il Vicesindaco Cattaneo, nel contesto di una Commissione consiliare svoltasi lo scorso 17 dicembre.

Il tema trattato in commissione era il futuro della zona denominata “ex zuccherificio”, sita  tra Alessandria a Spinetta Marengo, nella quale dovrebbe sorgere un ennesimo centro commerciale. Le ricadute inevitabili di questo ulteriore insediamento, si presumono negative per il piccolo commercio alessandrino, molto provato dalla grande crisi economica, dallo stato di dissesto del Comune e dalla presenza, già massiccia, di strutture della grande distribuzione nel tessuto commerciale locale.

Ascoltare il Vicesindaco dire: “ad Alessandria non si può acquistare abbigliamento sportivo per la mancanza di negozi” (andate al minuto 1.02’10”), è segno tangibile della sua scarsissima, se non nulla, conoscenza della città che amministra e per la quale assume decisioni che si riveleranno vitali per un comparto che stima tuttora circa 2700 addetti. Come se non bastasse, il Sig. Cattaneo, si e' permesso di citare il nome di uno dei negozi di articoli sportivi della città, per definirlo “non a livello” di un noto punto vendita presente a Serravalle Scrivia, esprimendo così l'ineluttabilità del recarsi in quella località per fare acquisti all'Outlet e nel negozio di una specifica catena di articoli sportivi presente in zona.

1 1 1 1 1 Rating 5.00 (1 Vote)

Reddito di cittadinanza

La Proposta di Legge del M5S sul Reddito di Cittadinanza:

perché l’Italia sia di sostegno ai cittadini in difficoltà, come tutti gli altri paesi Europei.

I più recenti dati Eurostat, ci hanno detto che oltre diciotto milioni di italiani, pari al 29,9%,  sono sulla soglia della povertà. Nell`Eurozona, solo la Grecia presenta una soglia di rischio maggiore.

Il M5S, in linea con il programma elettorale sulla base del quale gli elettori l’hanno votato, ha predisposto una Proposta di Legge chiamata “Reddito di Cittadinanza”.

La Senatrice Nunzia Catalfo, prima firmataria della Proposta di legge del M5S, sarà presente all’incontro pubblico promosso in Alessandria per confrontarsi con cittadini, associazioni, sindacati, assistenti sociali, comunità e ogni altro soggetto impegnato nell’informare e supportare le categorie più fragili dal punto di vista socio economico.

L’incontro “Il Reddito di Cittadinanza”si svolgerà venerdì 13 dicembre alle ore 21, presso la Sala Ex Taglieria del pelo (Circoscrizione Europista), in Via Wagner 38 – Alessandria.

Per il M5S Alessandria, Mauro Traverso illustrerà nel dettaglio la proposta di legge, accompagnando il pubblico attraverso i venti articoli da cui è composta.

1 1 1 1 1 Rating 5.00 (1 Vote)

Il bilancio non convince Roma

Già..infatti non aveva convinto nemmeno noi!

Secondo il quotidiano La Stampa (articolo del 30/11 scorso) il Ministero degli Interni avrebbe espresso tutte le sue perplessità sulla legittimità, in termini di principi generali di contabilità pubblica (unità, annualità, universalità ed integrità, veridicità, pareggio finanziario e pubblicità) degli ormai celeberrimi 32 milionidi euro inseriti nella sezione entrate del Bilancio di Previsione stabilmente riequilibrato (ma, citando l'articolo, “assolutamente non riequilibrato”). E non solo; secondo La Stampa tali dubbi sarebbero stati comunicati all'Amministrazione Comunale di Alessandria, sin dal 21 novembre.

Non è elegante dire: avevamo ragione noi, ma, a volte, serve farlo!

Il M5S aveva più volte segnalato (prima in Commissione Bilancio, poi in discussione in sede di Consiglio Comunale il 14 e 15 ottobre) comel'inserimento di tale posta in entrata fosse palesemente azzardata, sia sotto il punto di vista delle probabili osservazioni che avrebbe avanzato il Ministero (sull'assoluta incertezza nel “quantum” e nei tempi di reale entrata), sia sotto quello da noi evidenziato, di come tale debito verrebbe pagato comunque dal Comune (“entrata = spesa per pagarla”- una partita di giro insomma).

1 1 1 1 1 Rating 0.00 (0 Votes)

Teatro comunale: il M5S chiede spiegazioni sul coinvolgimento della corte dei conti da parte della giunta

Sono trascorsi più di tre anni dalla chiusura del Teatro Comunale di Alessandria, avvenuta a causa di una dispersione di fibre di amianto, fuoriuscite all’interno delle sale, durante i lavori in corso nella centrale termica.

Più di tre anni e ancora molti sono i dubbi e le incertezze sulle responsabilità che hanno portato alla chiusura del Teatro, al licenziamento di tutti i suoi dipendenti e all’impoverimento della vita culturale della città, per la mancanza del teatro e di tre sale cinematografiche.

L’articolo apparso su “La Stampa” il 3 Ottobre scorso, nel quale si afferma che “la procedura di affidamento dei lavori potrebbe (…) non aver rispettato il procedimento amministrativo previsto dal codice degli appalti pubblici” e che “l’attuale Amministrazione Comunale avrebbe inviato alla Procura della Corte dei Conti, documenti contenenti alcune criticità”, alimenta ulteriormente questo clima di ambiguità e indeterminatezza. Clima aggravato dall’assenza di una qualsiasi nota ufficiale, che spieghi le azioni intraprese dal Comune in risposta all’articolo stesso.

1 1 1 1 1 Rating 5.00 (1 Vote)

SEGUI IL MOVIMENTO SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA

Movimento 5 Stelle Alessandria - e-mail: staff@alessandria5stelle.it telefono: +39 3317007970 (scrivici un sms per essere ricontattato)